Questo sito utilizza i cookie per migliorarne la consultazione. Come usiamo i cookie e come modificare le proprie impostazioni.

Firmato il trattato che istituisce il meccanismo europeo di stabilità


© Fotolia

02/02/2012

Il 2 febbraio 2012, gli ambasciatori dei paesi della zona euro hanno firmato a Bruxelles il nuovo trattato che istituisce un meccanismo europeo di stabilità. Nel felicitarsi della firma del trattato, il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy ha detto che questo meccanismo permanente di gestione delle crisi contribuirà ad accrescere la fiducia e a garantire la solidarietà e la stabilità finanziaria nella zona euro.

Il meccanismo europeo di stabilità (MES) sarà un'istituzione finanziaria internazionale, con sede a Lussemburgo, che sosterrà i paesi della zona euro nel caso in cui ciò sia indispensabile per salvaguardare la stabilità finanziaria. Si prevede che diventerà operativo nel luglio 2012.

Il trattato, originariamente firmato nel luglio 2011, è stato ora modificato per potenziare l'efficacia del MES.

I membri del MES

Tutti gli Stati membri della zona euro diventeranno membri del MES. Anche gli Stati membri che non fanno parte della zona euro potranno partecipare alle operazioni di sostegno alla stabilità.

Strumenti di assistenza finanziaria

Il MES disporrà di un'ampia gamma di strumenti. Potrà concedere prestiti ai suoi membri, fornire assistenza finanziaria precauzionale, acquistare obbligazioni di Stati membri beneficiari sui mercati primari e secondari ed accordare prestiti per la ricapitalizzazione delle istituzioni finanziarie.

Votazione

Le decisioni relative alla concessione di sostegno alla stabilità saranno adottate di comune accordo. Tuttavia, in situazioni in cui la mancata adozione urgente della decisione di fornire assistenza metterebbe a repentaglio la sostenibilità economica o finanziaria della zona euro, le decisioni potranno essere prese a maggioranza qualificata dell'85% dei voti espressi.

Transizione dal fondo europeo di stabilità finanziaria (FESF)

Le disposizioni transitorie dal FESF (il meccanismo temporaneo attualmente in vigore) al MES garantiranno il finanziamento ininterrotto dei programmi in corso secondo le esigenze.

Capacità massima di prestito

L'adeguatezza del volume massimo di prestito del MES sarà riesaminata periodicamente. Il massimale attuale della capacità di prestito congiunta FESF/MES, pari a 500 miliardi di EUR, sarà riesaminato dai capi di Stato o di governo il 1º marzo.

Sinergia con il patto di bilancio

Il trattato MES e il nuovo trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell'unione economica e monetaria, denominato anche patto di bilancio, sono "entrambi elementi della strategia intesa a superare la crisi del debito pubblico nella zona euro", ha sottolineato Herman Van Rompuy.

Dal marzo 2013, la concessione di assistenza finanziaria a titolo del MES dipenderà dalla ratifica del trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell'unione economica e monetaria e, a partire dall'anno seguente all'entrata in vigore di detto trattato, anche dall'attuazione della regola del pareggio di bilancio.

Prossime tappe

Il trattato MES deve essere ratificato dagli Stati membri della zona euro. Dovrebbe entrare in vigore nel luglio 2012, con un anno di anticipo rispetto alla data originariamente prevista.

 

Per maggiori informazioni: